Cerca nel blog

mercoledì 27 novembre 2019

L’Africa non uccide più: Il percorso di un intero continente per l’abolizione della pena di morte di Antonio Salvati

Editore: Infinito edizioni  


L’Africa non è solo sinonimo di miseria e arretratezza. Oggi il continente è cambiato, è diventato la terra delle mille opportunità, e sta dando un contributo notevole al percorso abolizionista della pena di morte, configurandosi come il secondo continente, dopo l’Europa, sulla strada dell’eliminazione della pena capitale. È convinzione comune che l’Africa sarà decisiva in questa battaglia di civiltà e di umanità, per i contenuti dell’umanesimo africano espressi lungo tutta la sua storia. In Africa l’abolizione della pena capitale è associata alla ricerca di una vera giustizia, non vendicativa ma riabilitativa. La maggior parte degli Stati ritiene la pena di morte una violazione irrimediabile della sacralità della vita e della dignità umana, che impoverisce e non difende le società che la applicano. Le recenti positive evoluzioni in questa battaglia, mostrano qual è l’apporto che l’Africa può dare in termini di civiltà al nostro tempo.
“L’Africa sta abbandonando, nella maggior parte dei suoi Paesi, l’applicazione della pena di morte”. (Luciano Eusebi)
“La pena capitale, almeno quella giuridica e legalizzata, non fa parte della tradizione africana”. (Mario Giro)
I diritti d’autore di questo libro saranno devoluti a sostegno della Campagna per l’abolizione della pena capitale promossa dalla Comunità di Sant’Egidio.

Recensione:
Questo saggio apre la mente e il cuore relativamente a un Continente ancora sconosciuto da più.Per alcuni Paesi l' ideologia sulla pena di morte, non si discosta da quella Americana.Con le dovute differenze ritengo sia un Continente molto più aperto all' argomento abolizione della pena di morte, rispetto ad altri Stati ben pensanti.Oltre a fare del bene comprando o regalando questo libro, riflettiamo su quanto accade in un Continente lontano da noi fisicamente ma che sta evolvendo più velocemente di noi europei.
Alla prossima anima lettrice.


Nessun commento:

Posta un commento