giovedì 8 agosto 2019

Ogni singolo battito di Abbye J. Leen


In una piccola cittadina di Los Angeles i tre inseparabili Ellie, Noah e Nolan crescono tra gli alti e i bassi delle proprie famiglie. Inseparabili sin dalla giovane età i ragazzi non riescono a fare a meno L'uno dell’altra. Noah e Nolan però sono impiegati nel tenere tutti gli altri ragazzi lontani da Ellie. Pur essendosi ripromessi di non pensare a lei come donna non riescono a farne a meno, fin quando uno di loro non deciderà di rompere quella promessa fatta molti anni prima, perché il cuore si sa, non chiede il permesso. Non ci vorrà molto per ritrovare i giusti equilibri perché niente è più importante della loro amicizia. Strani avvenimenti però metteranno all'erta i ragazzi che si troveranno a combattere contro un nemico che non avrebbero mai potuto immaginare.

Recensione:
Non fatevi ingannare dalla copertina.Non è un banale romanzo rosa.
Quando una scrittrice riesce a unire uno stile accattivante di Rainbow Rowell, una protagonista lungimirante come Lucy di Nick Hornby di " Funny Girl"e una trama introspettiva al pari della Wof ( si avete letto bene, quella Wolf), non può che risultarne un romanzo vibrante sotto tutti gli aspetti.
La penna della scrittrice,  scorre veloce e leggera grazie ai dialoghi tra i protagonisti.Per molti è una scommessa usare  in modo così copioso lo strumento narrativo dei dialoghi, in quanto si rischia la frammentazione della narrazione, se non è un opera teatrale.Ciò posto non è questo il caso.Empatia, schiettezza e realismo in ivi  hanno fornito  enfasi alla storia.
Anche la psicologia dei personaggi è ben costruita.L'evoluzione ed involuzione degli stessi ( leggendo capirete o dovrei anticiparvi troppe cose) si dipana lentamente, riuscendo a tenere incollato il lettore alle pagine, sorprendendolo senza spiazzarlo.
Alla base del tutto vi sono delle tematiche importanti, quali la violenza di genere, l' ossessione malata, la dipendenza affettiva, la voglia di ricominciare.
Un romanzo , in grado di riflettere e divertire.
Alla prossima anima lettrice.

Nessun commento:

Posta un commento