venerdì 31 maggio 2019

Un suggerimento "grafico" per i buoni Autori


Vorrei lanciare un messaggio a tutti coloro che si sono presi un programma grafico professionale senza alcuna preparazione, pensando che ora sono anche loro dei professionisti e che non hanno bisogno di gente del mestiere perché “tanto ci sono i tutorial”. Scusate la durezza ma non funziona così, anzi, sostanzialmente avete solo sprecato tempo e danaro perché per utilizzare i programmi professionali ad uso grafico bisogna comunque avere una certa preparazione e questa di sicuro non potete crearvela con dei semplici tutorial o corsi di qualche ora. Lavorare nel campo grafico richiede una certa propensione e lo studio di moltissimi fattori, essendo la grafica un settore davvero molto molto ampio. Senza questi strumenti, un po’ innati e un po’ appresi tramite lo studio di anni e anni, appunto, è inutile avere sul proprio pc programmi di tale portata. Sarebbe come tenere in garage un’auto da corsa a farle prendere polvere perché non avete la patente.
Prima di affermare determinati pensieri pensate un attimo al fatto che c’è un motivo se esistono certi mestieri con la loro rispettiva preparazione e relativi costi.
Capisco che può sembrare facile fare le grafiche ma questa è la trappola comune che presenta chiunque professionista bravo nel proprio mestiere: far sembrare facile una cosa che in realtà non lo è affatto. Non bastano 5 minuti per fare un’immagine, non basta “tagliare e incollare” (anche perché c’è molto più di questo). È necessaria la conoscenza: molti programmi grafici utilizzano un metodo di lavoro su più livelli, se non siete del mestiere non riuscirete mai a fare un lavoro corretto. Bisogna unire la teoria (più complessa di quello che pensate) alla capacità di sapere usare ogni strumento nel modo più corretto in base al progetto che bisogna svolgere. Ecco perché alcuni programmi sono destinati sol ai professionisti mentre altri sono dedicati al passatempo e, ecco perché non sapete che se fate una book cover solo con Photoshop, state continuando a sbagliare.
Rispettiamo sempre il lavoro altrui. Se ritenete che la vostra Opera sia promettente e volete una copertina fatta in modo corretto, allora rivolgetevi a dei veri professionisti e assicuratevi che lavorino nel settore giusto (in questo caso l’editoriale).

Un saluto da Tanya "La Grafica"

Nessun commento:

Posta un commento