Cerca nel blog

mercoledì 13 marzo 2019

L’ultimo barile Tutto si sta esaurendo, inclusa la libertà di: Zanon Daniele

I grandi libri hanno spesso anticipato gli eventi, raccontando mondi futuribili che poi si sono materializzati. La lotta al terrorismo, la brutale propaganda mediatica e politica, la rinuncia ai diritti in nome di una non meglio precisata sicurezza sono temi contemporanei che ci accompagneranno nei decenni a venire. E nello sviluppo verosimile e sorprendente di questo grande libro. Alì, un tempo soldato, un tempo cristiano, si è convertito all’Islam per amore di Aisha. Insieme a lei ha accettato di vivere in un bunker scavato sotto le lapidi di un cimitero abbandonato, alle porte di Roma. Il loro compito è quello di custodire l’ultimo barile  di petrolio rimasto. In un clima di propaganda brutale, in uno scenario futuristico di guerra e di odio, di tecnologie militari avanzate e di povertà assoluta, le frequenze della Radio Nazionale tengono informati i cittadini sulla guerra passata, sugli sviluppi della lotta al terrore, sulle intenzioni dell’esercito e della politica nei confronti della comunità islamica.



Recensione:
Questo libro è un turbinio di riflessioni, pensieri ed emozioni. Una volta che si inizia a leggere non si riesce a smettere in quanto si entra immediatamente, tramite la prosa diretta, in empatia con il protagonista. Empatia non intesa nel senso tradizionale del termine - ovvero la comprensione - ma intesa come “vivere in prima persona” le vicende di Ali. In un futuristico e ipotetico (forse nemmeno tanto) scenario apocalittico del nostro Paese, seguiamo le vicende del nostro protagonista e di coloro che gli ruotano attorno. Nel momento in cui iniziamo a entrare in questo scenario di guerra, ma, inaspettatamente di grande speranza, non si riesce a posare il libro.
Un' opera che ci insegna come la speranza sia l'elemento per cui tutti noi viviamo e lottiamo. Alla base di ogni comportamento di Alì vi è la speranza di cambiare il mondo e la convinzione di essere nel giusto. Leggere questo romanzo porta inevitabilmente il lettore a riflettere su tutto quello che ritiene sia giusto e a come si agisca in conseguenza a tale convinzione; come sia importante ogni tanto - non dico sempre - mettersi in discussione e capire se sia necessario cambiare direzione del suo pensiero. Non riuscirete più a scrollarvi di dosso questo romanzo: sarà un faro che vi porterà a mettere in discussione voi stessi e le vostre opinioni. Penso sia indispensabile leggere un’opera come questa per capire come le nostre scelte e convinzioni, per quanto siano piccole, possano cambiare il mondo e quanto sia grande la nostra responsabilità.
Il  finale inaspettato vi indurrà a chiedervi quanto siate disposti a sacrificarvi per un mondo migliore.
Alla prossima anima lettrice.

Nessun commento:

Posta un commento