martedì 26 marzo 2019

Blog Tour LA RAGAZZA ARRABBIATA di ELISABETTA CAPECCI.






Il messaggio dell' autrice:
Ritengo sia riduttivo considerare quest’Opera banalmente un “romanzo di formazione” attinente al disagio giovanile. In genere nel romanzo di formazione il giovane protagonista, lasciandosi alle spalle l’infanzia, entra in una dimensione conflittuale con l’ambiente che lo circonda, con la famiglia, o con il mondo adulto in generale. Pur rientrando in quanto sopra descritto “La ragazza arrabbiata” ha molto da confidare al lettore adulto e non solo ad un pubblico giovane. Anzi forse proprio a noi adulti ha molto da insegnare e raccontare.
Ogni adulto ha vissuto almeno una volta nella propria vita un tradimento in senso lato in campo amoroso, da un amico o da un collega e, inevitabilmente, il risultato è che si perde quella positività che si aveva avuto per un lungo tempo, portando l’individuo a chiudersi. E’ molto difficile per una persona che ha superato l’età adolescenziale, o in ogni caso ha più di 20 anni, elaborare il tutto. L’autrice vuole darci un messaggio chiaro, profondo e lungimirante: per quanto il nostro cuore sia stato pestato, accartocciato e messo nel cestino - non a causa nostra – e, per quanto il tunnel del dolore sia privo di luce, questa prima o poi tornerà. Sta a noi però muoverci per far sì che questo avvenga. Per essere gli artefici del destino della nostra vita, dobbiamo fidarci di noi stessi, dei nostri sentimenti, del prossimo (anche se risulta essere molto difficile) e pian piano tutto si aggiusterà. L’autrice vuole portare il lettore a riflettere sul proprio “io”, a lasciare andar via la propria rabbia come fa un bambino con un palloncino, lasciandolo salire al cielo; tornando a sorridere e ad abbracciare tutte le cose belle che avrà davanti a sé.
Alla prossima anima lettrice.

Nessun commento:

Posta un commento