giovedì 4 ottobre 2018

Intervista a Mauro Orefice autore de La Strada Perduta



1) Raccontaci qualcosa di te:

Salve a tutti! Sono un programmatore che ha deciso di pubblicare un libro nonostante il proprio mestiere possa cozzare con il proprio hobby. Ho diversi interessi oltre alla lettura anche la musica ed i film. Ho esordito con “La Strada Perduta”, una biografia introspettiva nata da una esperienza personale. Nonostante abbia pubblicato solo di recente, la passione per la scrittura mi accompagna da tre anni unita a quella di comporre versi.

2) Perché ti sei appassionato alla scrittura e cosa ti ha spinto a scrivere questo libro?

La passione per la scrittura è un elemento che ha origini recenti. Nonostante abbia letto tanto non mi ero mai cimentato in questo campo fino a quando ho sentito l'esigenza di farlo. Tutto é nato da un evento destabilizzante nella mia vita, ossia la perdita di una persona cara, mio zio. Questa persona rappresentava una persona chiave nella mia vita e la sua assenza ha scaturito una evoluzione ed un approccio alla vita diverso, vero, emozionale, cosa che non avveniva prima a causa di una apatia latente. Il percorso di evoluzione mi ha portato a scelte forti sia in ambito lavorativo che sentimentale e ad una concezione della vita alta ed in virtù di questo a viverla pienamente.

3) Cosa ti auguri che i lettori colgano dal tuo libro (diccelo senza fare spoiler)

Questa biografia rappresenta la trasposizione della mia storia personale. Mi auguro che i lettori possano immedesimarsi nel personaggio chiave e possano vivere le sue sensazioni, emozioni e turbamenti. Sono sicuro che tutti nella propria vita hanno avuto un momento di riflessione, di perdita di identità, é ciò che io ho provato ed ho messo in questo libro. Ciò che mi auguro in particolare é che seguendo il percorso psicologico del protagonista, i lettori possano risolvere i loro conflitti, come li ho risolti io e trovare la chiave di accesso alla loro vita e alla profonda motivazione celata dentro. Mi auguro infine che i lettori come ho fatto io, possano attingere a tutte le forza conscie e inconscie che favoriscono la via del cambiamento per diventare persone sempre migliori, perché il mondo che abbiamo dentro é molto più grande di quello che vediamo fuori e che viviamo ogni giorno.

4) Quali sono i progetti futuri di Mauro Orefice?

I progetti futuri sono due. Uno é pronto per la pubblicazione e a differenza de La Strada Perduta che é nata da un momento negativo della mia vita, invece nasce da un momento di esaltazione personale, molto positivo. Il secondo progetto invece é ancora in cantiere, ossia da ultimare ma non voglio ancora svelare nulla perché sono a poco più della metà e credo non dia giusto identificare qualcosa se non é ancora finto. Di una cosa sono certo fin quando mi farà piacere scrivere, continuerò a realizzare questo splendido hobby, perché serve a me per esprimere tutto ciò che ho dentro e ai lettori, spero, di vivere ed emozionarsi leggendo.
Alla prossima anima lettrice.

Nessun commento:

Posta un commento