Cerca nel blog

martedì 16 ottobre 2018

Intervista a Barbara Sarri autrice del romanzo il ventaglio sulla Pelle.

Intervista a Barbara Sarri

Barbara leggendo su Internet ho notato che la scrittura è stata una costante della tua vita, fra le presentazioni più interessanti quella a Roma alla Camera dei Deputati per Regina.

Sì infatti, è stato presentato alla Camera dei Deputati qualche anno fa: un libro legato alle donne nel lavoro.

In quarta di copertina ho avuto l’onore di avere Franco di Mare:
“La storia di una donna in una Roma meravigliosa ma immensa che lascia vuoti al cuore.
Le vicende di Regina coinvolgono tutti noi, e ci fanno assaporare la passione e la purezza di una single di oggi.” 

Barbara il tuo percorso di vita legato ai libri. Scegli un giorno che ricorderai sempre come indimenticabile.

Il primo giorno in cui è accaduta una sorta di magia: rileggendo una cosa che ho scritto, ho capito che ero riuscita a rendere l’idea del mio pensiero. Le parole sono un mezzo potente se si riesce a usarle in modo corretto, attento: bisogna rispettarle, amarle senza mai tradirle così ti donano molto.



Il mio primo libro è stato di poesie. Come si chiamava e una breve lirica ce la lasci?

Sì è del lontano settembre 1993, “Dove anch’io sono dipinta”. Ecco il pensiero di apertura di una ragazzina innamorata:

Vero e falso si confondono là
ai confini del mare
dove una lacrima ha creato l’orizzonte.
…e il mio cuore batte
sull’incertezza di un istante,
sul desiderio di un peccato.


Perché e quando sei passata alla prosa?

La poesia in realtà è rimasta in me, spesso qualche lirica mi sfugge nei romanzi ma la prosa raggiunge tutti. È il modo più semplice per comunicare e il mio sogno è comunicare a tutti.


Da cosa prendi ispirazione?

La vita stessa è ispirazione. Siamo fatti di quello che ci circonda e di quello che respiriamo, sono onnivora leggo tutto ma prediligo i classici. Ho ricominciato proprio ieri La signora Dalloway.



Arriviamo a oggi, il tema della violenza sulle donne.

È un tema che spaventa, che fa paura, la cosa più semplice è fuggire, non leggere libri che lo mettono a fuoco: la realtà fa paura.
Ma la lotta a questo problema parte dalla società, dall’educazione non dall’omertà.
Quindi dopo Il ventaglio sulla pelle edito HarperCollins Italia adesso arriva il suo sequel sempre con lo stesso editore, ancora Crime ma anche ironia, amore con la storia di Isabel e Romeo, continuando però a trattare di questa tematica che purtroppo ci riguarda tutte e tutti.


Il ventaglio sulla pelle è stato presentato alla Regione Toscana.

Sì è stata una bellissima esperienza presentarlo con la Commissione delle Pari Opportunità. Avevo con me a parlarne Amnesty International e Soroptimist, un momento indimenticabile.


Cosa ti aspetti dal futuro.

Di continuare a fare le cose con il cuore come ho sempre fatto, ho voglia d’imparare e sono pronta ad assorbire ogni momento che la vita mi regalerà.
Credo nel positivo, per questo lotto per farlo trionfare.

Ringraziando Barbara Sarri per la sua disponibilità, vi ricordo che nell' etichetta recensione libri alla voce : temi importanti nella colonna a destra del blog, troverete la recensione del libro della scrittrice.

Alla prossima anima lettrice.

1 commento:

  1. è un libro che si legge d'un fiato. Ben scritto, coinvolgente e per niente scontato

    RispondiElimina