venerdì 28 settembre 2018

Sinossi:
Sospeso fra satira, surrealismo e fantastico, Il codicista accompagna il lettore in un’allegorica discesa
all’inferno nelle viscere del kafkiano “Palazzaccio”. Willy Deville inizia la sua carriera al Ministero del
Benessere, punto di partenza della scalata al potere e insieme della sua perdizione, verso la più abietta
condizione morale. Una galleria di personaggi grotteschi e claustrofobiche sale del potere dipinta a violente
pennellate in uno stile personalissimo, ricco di echi dei grandi autori del Novecento, che raccoglie
a piene mani dal cupo immaginario medievale per raccontare una storia attualissima.
link Amazon


Recensione:
Se avete adorato 1984 di Orwell, Il condominio di Ballard e amate Kafka,questo romanzo sarà la vostra droga.
Un distopico moderno, realista imperniato di quel pessimismo Kafkiano che racconta l' eterna lotta contro le ingiustizie che ogni noi subisce ogni giorno.
Una prosa colta, raffinata ed ellenica unita a un uso moderno della lingua rende raffinato ma comprensibile a tutti lo svolgimento dell' azione.Ognuno di noi lotta con la propria anima, le proprie difficoltà la propria rabbia.
Un percorso sospeso tra cultura fantasy voglia di riscatto con un finale inaspettato e pieno di realismo.
Il ministero come metafora della vita e delle nostre pulsioni ed aspirazioni.Da leggere assolutamente e  sicuramente destinato a diventare un classico moderno.
Alla prossima anima lettricehttps.

Nessun commento:

Posta un commento