Cerca nel blog

giovedì 5 dicembre 2019

L'immortale che ascoltava il vento di Estelwen Oriel



Descrizione:

Erinao, un immortale dal peculiare destino, sente nel vento nomi di persone vicine alla morte. Dopo un secolo di ricerca, comprende che perfino da quel dono che appare una condanna può trarre del bene per il prossimo. Così, volendo donare più luce possibile ai condannati e alle rispettive famiglie, inizia a rivelare i suoi presagi. Quasi nessuno, però, gli è grato: viene presto visto in ogni regno come un portatore di sciagura, un ladro di anime. Solo Noemarya, figlia di re Stelaryon, vede in lui sincerità e sceglie di aprirgli il cuore. Il padre, preoccupato per la sorte di lei, tenta di catturare Erinao per porre fine al dilagare del dolore. All'impresa si unirà Enulyadel, una mediatrice il cui sguardo coglie la natura di ogni anima, che svelerà la verità. Il suo intervento avrà però un'inattesa conseguenza: Erinao udrà nel vento i più impensabili nomi.

Recensione:
Erinao non è altro l' uomo che mette a disposizione la propria conoscenza per il bene di tutti e diventa una figura scomoda.E' più semplice per la maggior parte delle persone, scaricare sugli altri le proprie colpe, che affrontare i cambiamenti.Il bene che si scontra con l' ottusità e la cruda verità.
L' autrice con una narrazione Virgiliana, ripercorre il viaggio dell' animo umano  incontaminato che si scontra con l' ipocrisia dell' umanità.L'amore vero è una forza che nasce anche nelle situazioni più desolate ed impensabili.
Un romanzo da regalare per Natale, oltre agli amanti della buona letteratura, per dare un segno di speranza, in quanto il buono delle persone è una risorsa preziosa.
Alla prossima anima lettrice.

Fuga dal Natale di John Grisham

  • Lunghezza stampa: 153
  • Editore: MONDADORI (7 ottobre 2010)

  • link d'acquisto

Descrizione:
Solo l'anno prima la famiglia Krank aveva speso 6100 dollari per preparare il Natale. Quest'anno papà e mamma Krank si trovano all'aeroporto per salutare, pochi giorni prima di Natale, la figlia Blair in partenza per una missione umanitaria in Perú. Un pensiero un po' folle si insinua in loro: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair?! E se lo saltassero? E se utilizzassero quei 6100 dollari per la crociera ai Caraibi che da anni si sono sempre negati? Basta non andare dal rosticciere (che sollievo evitare la ressa), non invitare nessuno al party (troveranno certo dove andare quegli scrocconi), non montare nessun Frosty sul tetto (operazione, per altro, pericolosa per un uomo di cinquantaquattro anni). Il grande piano è deciso e messo in atto, prima in modo titubante, poi spavaldo. Ma il Natale, con la sua straordinaria potenza consumistica, con la sua ingombrante presenza moralistica, sta per prendersi la più esilarante e sferzante rivincita sui poveri Krank.
Una favola classica dei tempi moderni, un'ironica provocazione che regala momenti di puro divertimento e che ci fa scoprire John Grisham geniale scrittore della commedia umoristica e disincantato osservatore di una tradizione di cui ormai non possiamo fare a meno.

Recensione:
 Lo stile narrativo è gradevole, a fine lettura vi ritroverete a riflettere sorridendo. un Grisham completamente diverso dall' autore di libri per ragazzi e legal thriller.In questo romanzo si ride davvero.
Ne consiglio l'acquisto in occasione del Natale per un simpatico regalo.Sarà sicuramente apprezzato!
Alla prossima anima lettrice.

mercoledì 4 dicembre 2019

L'ultimo inverno di Rasputin di Dmitrij Miropol'skij

  • Copertina flessibile: 500 pagine
  • Editore: Fazi (28 novembre 2019)


Descrizione:

Nel gelido inverno russo del 1916, l'inconcludente ricerca di un uomo scomparso ha una macabra svolta quando le acque ghiacciate di un fiume ne restituiscono il cadavere deturpato. La polizia non ha dubbi: si tratta di Grigorij Rasputin. La condanna a morte del contadino, colpevole di una deleteria influenza politica e morale sullo zar e la moglie, era già stata idealmente decretata nelle piazze e nei salotti di Pietroburgo, ma la mano del boia che ha eseguito la sentenza è ignota. Inizia così, con il ritrovamento del corpo assassinato di Rasputin, un viaggio nel passato di questo enigmatico personaggio, che come un filo lega le persone, i luoghi e gli eventi che hanno cambiato per sempre le sorti della storia europea a partire dallo scoppio del primo conflitto mondiale. A essere in fermento non è solo il mondo militare, anche quello della cultura viene travolto dalla corrente futurista, in cui emerge l'estro poetico di un giovane Majakovskij, che con lo scorrere della narrazione mostra un'inarrestabile quanto compromettente passione per le donne. E mentre in ogni angolo d'Europa spie insospettabili e nobili esaltati congiurano nell'ombra, una delle dinastie più affascinanti e sfortunate, quella dei Romanov, mostra il proprio lato più intimo e umano, prima di cadere vittima dello spietato massacro che metterà fine al regno degli zar. In quest'opera in bilico tra ricostruzione storica e spy story, Miropol'skij dipana l'intricato viluppo dei complotti orditi e subiti da personaggi intenti a tramare fra luride bettole ed eleganti palazzi e ci trascina in una delle cospirazioni più controverse e inquietanti di tutti i tempi, quella che decretò l'uccisione del "diavolo santo", Grigorij Rasputin.

Alla prossima anima lettrice.

martedì 3 dicembre 2019

Intervista natalizia a Ingrid Rivi autrice del Romanzo " Se solo.. non ti avessi incontrato".




1)Cosa vorrebbe quest’anno per Natale? 
Per Natale ho l'abitudine di chiedere sempre dei libri, non ne ho mai abbastanza anche se la libreria non riesce più a contenerne. Però Natale, sebbene sia il periodo che preferisco nell'anno, è anche un momento di nostalgia, dove mi viene facile pensare a tutti quelli che non ci sono più, perciò se potessi esprimere un desiderio, vorrei una giornata con la famiglia riunita.

2)Il più bel regalo che ha ricevuto da bambina?

Per rispondere a questa domanda ho dovuto riflettere a lungo, perché sono passati tanti anni da allora e certi ricordi si sono fatti un po' sfuggenti. Però alla fine qual è il sogno di ogni bambina? Ricevere una Barbie, nello specifico Barbie segreti e bellezza con i suoi capelli lunghissimi. Mi fa piacere sapere adesso che quella stessa Barbie passa tra le mani delle mie figlie.


3)In che modo ama trascorrere le vacanze di Natale? 
Lo trascorro in famiglia passando la giornata a mangiare, mangiare ancora mangiare, mentre le bimbe scalpitano perché hanno fretta di aprire i regali.




4)Quale messaggio augurale vorrebbe far pervenire ai suoi lettori?

Rischierò di essere banale nell'augurare a tutti un sereno Natale, ma a volte si dà per scontato che è proprio la serenità a renderci felici, molto più di quello che potrebbe fare un regalo materiale.

Alla prossima anima lettrice.

lunedì 2 dicembre 2019

La ragazza drago. La prima trilogia di Licia Troisi

  • Copertina flessibile: 820 pagine
  • Editore: Mondadori (14 maggio 2013)
  • Collana: Saghe fantasy

Descrizione:
Sofia guarda Roma attraverso il cancello dell'istituto dove è cresciuta e pensa che ormai non verrà più adottata da nessuno. Finché un eccentrico professore di antropologia non la prende con sé e la porta in una casa sul lago costruita intorno a un albero antico. Molto antico. Il professore sembra conoscere molte cose del passato di Sofia. Un passato lontano, oscuro e magico che le ha impresso sulla fronte un neo, il segno dell'eredità dell'ultimo dei draghi: Thuban, colui che ha sconfitto e imprigionato Nidhoggr, la feroce viverna, nelle viscere della Terra. Dopo millenni la creatura si sta risvegliando, e Sofia potrà fermarlo solo restituendo all'Albero del Mondo i frutti che lo faranno risplendere. Per trovarli dovrà addentrarsi nel cuore di città dense di misteri, come Benevento, dove un tempo si aggiravano le streghe e la neve ha il colore del sangue, e Monaco di Baviera, dove si cela una preziosa clessidra con cui Sofia dovrà combattere una lotta contro il tempo. Sulla sua strada incontrerà alleati preziosi e scoprirà di non essere sola nella missione: la stirpe dei Draconiani è con lei, e sarà loro il compito di salvare il mondo. "L'eredità di Titubati", "L'albero di Idhunn", "La clessidra di Aldibah": raccolti in un unico volume, i tre romanzi che hanno dato inizio alla saga. Età di lettura: da 12 anni.

Alla prossima anima lettrice.